Home > 1821



1821

 

colophon.jpg

 

Nel 1821 l'Europa ridisegnata dal Congresso di Vienna dopo la sconfitta di Napoleone, è scossa dai moti costituzionalisti. L'insurrezione si propaga dalla Spagna a gran parte delle capitali dell'Europa continentale e anche Torino è investita dalla rivoluzione. La monarchia vacilla. Vittorio Emanuele I abdica in favore del fratello Carlo Felice e i borghesi, gli intellettuali liberali e una parte degli alti gradi dell'esercito sembrano sul punto di ottenere la Costituzione, concessa e poi ritirata da Carlo Alberto.
Anche Biella, come altri centri del Piemonte, vive una breve stagione libertaria che vede protagonisti Giovanni Battista Marochetti, Pietro Carta Molino, Giuseppe Ferraris e tanti altri biellesi. Nel marzo del '21 Biella è una città libera, ma la reazione non si fa attendere e all'inizio di aprile gli austriaci, chiamati in soccorso dai Savoia, sono nuovamente padroni della piazza. Perquisizioni, arresti, condanne a morte, ad anni di carcere, al confino per decine di biellesi accusati di essere cospiratori.
È una pagina della storia Biellese che merita di essere scoperta soprattutto attraverso i volti e le vicende avventurose di tanti fuggiaschi ed esuli che trovarono rifugio Oltralpe o in America Latina.
Quella del ’21 non fu solo una rivolta elitaria e settaria, bensì, se non proprio un moto di popolo, una ribellione medioborghese che ha coinvolto decine se non centinaia di nostri conterranei di allora. Ed è importante notare che dalle vicissitudini del 1821 è scaturita una parte importante della "classe dirigente" della Patria in via di unificazione, sia in ambito civile e politico, sia negli ambienti militari. Da quelle barricate è nato un Piemonte nuovo pronto a guidare la nascita dell’Italia nuova.

 

Il percorso è quello elaborato per la mostra "Dai moti del 1821 alla prima Costituzione italiana del 1848: le varie anime di chi ha fatto l'Italia", curata da Patrizia Bellardone, Graziana Bolengo, Danilo Craveia, Diego Presa e Diego Siragusa in occasione delle celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia.