Sistema Archivistico Nazionale
Pagina principale Archivio di Stato di Biella
  Inizio   Come raggiungerci   Mappa del sito   Contattaci   Amministrazione trasparente   Disclaimer
 
Chi siamo
Servizi
Patrimonio documentario
Biblioteca
Didattica
Formazione
Spazio Aperto
per il territorio

         Percorsi
Gli Archivi
del biellese
 
 

La sede nel Piazzo di Biella

La prima sede fu in palazzo Dal Pozzo della Cisterna in Biella Piazzo.
Le origini del palazzo non sono documentate, ma diversi particolari fanno presumere una costruzione piuttosto antica. Nel XV secolo l'edificio era a tre piani sovrapposti e si affacciava sul vicolo con, al pian terreno, un portico del quale si vedono i cinque grandi archi in mattoni chiusi all'epoca dell'ampliamento rinascimentale. All'interno, sono pure conservate due colonnine in laterizio. Su questo lato del palazzo si distinguono finestre murate di cui restano frammenti della decorazione degli stipiti e della cornice inferiore. Alcune sono terrecotte che riprendono i motivi a foglie e ghiande dei tre fregi orizzontali che corrono tra i piani, altre semplici motivi creati dalla disposizione dei mattoni. La parte di fabbricato che attualmente si apre su piazza Cisterna, fu voluta dai fratelli Carlo Antonio, Fabrizio, Lodovico e Giacomo Dal Pozzo verso la fine del cinquecento, dopo che la piazzetta antistante era stata ingrandita grazie alla demolizione delle case che la occupavano. La facciata rinascimentale avrebbe così testimoniato la grandezza raggiunta da casa Dal Pozzo. Ai lati dell'androne affrescato si trovano due sale pure affrescate, in una delle quali le raffigurazioni sono visibili. Al primo piano sono il grande salone con camino monumentale risalente al XVII secolo e una saletta attigua, ambedue con soffitto ligneo a cassettoni al di sotto del quale scorre una fascia di affreschi rappresentanti soggetti mitologici nella sala più piccola, e episodi di storia romana, nel salone. Il cortile interno è porticato su due lati con archi sostenuti da colonne o semicolonne addossate a pilastri che sostengono capitelli, pure in pietra, dalle forme diverse.
Nel corso dell'800 il palazzo mutò la propria destinazione d'uso; spogliato degli arredi a causa della condanna inflitta a Emanuele Dal Pozzo, compromesso nei moti carbonari del 1821, divenne sede degli opifici Boglietti. Acquisito dalla città, a fine secolo, fu adattato a caserma, poi a sede dell'Archivio notarile distrettuale e, infine, fu utilizzato, fino al 1998, dalla sezione di Archivio di Stato.
Attualmente è stato acquistato dalla Regione Piemonte.

Immagine dall'Archivio
Chi siamo
 La storia
 Le sedi
     Palazzo Cisterna
     La nuova sede
 La Struttura
 Cos'è un Archivio
di Stato
©2003 Archivio di Stato di Biella - ultimo aggiornamento 25 gennaio 2016