Sistema Archivistico Nazionale
Pagina principale Archivio di Stato di Biella
  Inizio   Come raggiungerci   Mappa del sito   Contattaci   Amministrazione trasparente   Disclaimer
 
Chi siamo
Servizi
Patrimonio documentario
Biblioteca
Didattica
Formazione
Spazio Aperto
per il territorio

         Percorsi
Gli Archivi
del biellese
 
 

Archivio storico della città di Biella

Signori di Buronzo

Il consortile

Antonio Manno ritiene che i condomini di Buronzo provengano da un unico ceppo divisosi, poi, in più colonnellati: 1. de Dominabus (anche Delle Donne), 2. Agacia, 3. Gottofredo, 4. Berzetti, 5. Plebano, 6. Bucino, 7. Presbitero (Del Signor, Signoris), 8. di Buronzo (Buronzo della Valletta).
La stessa suddivisione, anche se in sette colonnellati, è richiamata nel titolo di un volume conservato nel primo mazzo e contenente atti originali, in copia o estratti concernenti l'origine e l'evoluzione della famiglia. Esso cita i "Berzetti, delle Donne, de Plebano, de Presbitero o sia del Signor, de Gotofredo, de Bucino et de Agatia ..."
I consignori di Buronzo ebbero giurisdizione sul feudo di Buronzo e sulle terre circostanti.

Bibliografia:
A. Manno, Il Patriziato subalpino, II, Firenze 1906, pag. 450-462
P. D'Alessandro, Contributo per la storia dei signori di Bronzo, tesi di laurea a.a. 1975-1976
M. Del Signore, Ricerche storico-giuridiche sul fondo e sul consortile di Bronzo, in " Bollettino Storico Vercellese" n. 10 (1977), pag. 71-122
AA.VV., Il castello di Buronzo e il suo consortile nobiliare, Vercelli 1990

L'archivio

Le carte provengono, come prova la segnatura leggibile su alcune delle cartelle, dal castello di Buronzo. Giunsero all'Archivio Storico della città di Biella, molto probabilmente, tramite Luigi Borello ai tempi in cui era direttore della Biblioteca Civica.
L'archivio è costituito da una miscellanea di carte di famiglia - fedi di nascita e di battesimo, testamenti, corrispondenza - e di atti relativi alle proprietà con alcune consegne. Cinque cartelle contengono atti di lite datati tra il Sei e l'Ottocento, il mazzo otto due notulari di Giovanni Giulio dei signori di Buronzo datati 1494-1495 e 1511-1514, piuttosto in cattivo stato, il mazzo undici due registri cinquecenteschi dei beni rilegati in pelle. Infine nella cartella sedici sono conservate quindici pergamene. La più antica (1671) è un'investitura concessa a Giovanni Battista fu Giacomo del Signor; le altre sono per lo più patenti relative alla carriera militare di Giuseppe Signoris e ad altri personaggi della stessa famiglia; due riguardano i Berzetti di Buronzo.
Altre cinquanta pergamene, a partire dal 1299, sono conservate a parte, riprodotte in digitale e consultabili dal SIAS. Benché la maggior parte dei documenti concerna i Signoris o del Signor esiste anche materiale proveniente dalle altre famiglie per cui questo fondo può essere considerato come parte dell'archivio dei Signori di Buronzo.
Altro materiale relativo a questi consorti si trova nelle carte già appartenute a Luigi Borello e tra gli archivi di famiglie conservati presso l'Archivio di Stato di Vercelli. Inoltre documenti Berzetti di Buronzo sono contenuti negli archivi Gromo di Ternenego e Morra di Sandigliano . Infine pergamene concernenti i Bucino sono confluite nell'archivio dell'abbazia di Sant'Andrea di Vercelli, conservato presso l'Archivio di Stato di Torino.

Bibliografia:
G. Bolengo, Antiche pergamene dei Signori di Buronzo, in 'Archivi e Storia', 1995, n. 13-14. pag. 139-152

ASCB, Famiglie, Miscellanea
Carte Borello
Famiglia Gromo di Ternenego
Famiglia Morra di Sandigliano

Immagine dall'Archivio
Patrimonio documentario
    Strumenti
    di ricerca
    Archivio di Stato
    di Biella nel SIAS
  Archivio storico
  Città di Biella
    L'Archivio
    Comune - indice
      serie I
      serie II
      serie III
    Comuni diversi
    Chiavazza
    Cossila
    Bulgaro
    Signori di
    Buronzo
    Vercellone
    Fondazione
    La Marmora
©2003 Archivio di Stato di Biella - ultimo aggiornamento 25 gennaio 2016